Terapia ABA: domande frequenti

ABA è un acronimo inglese in inglese che sta per Applied Behaviour Analysis che, tradotto in italiano, significa Analisi Applicata del Comportamento.
L’ABA si può definire come un insieme di strategie scientificamente fondate per promuovere dei cambiamenti nel comportamento al fine di migliorare la qualità della vita delle persone.

Spesso si sente parlare di “metodo ABA” ma in verità l’ABA è una scienza.
Essa si basa sui principi del comportamento umano e utilizza metodi scientifici per comprendere e modificare i comportamenti.
Uno dei principali strumenti di misurazione è l’osservazione diretta del comportamento: pertanto, le abilità promosse devono essere quantificabili e direttamente osservabili. Nell’ABA non esistono “ipotesi”, “sensazioni” dei terapisti e dei referenti clinici ma dati reali su cui basarsi. Anche gli stessi miglioramenti vengono quantificati in modo scientifico. L’ABA è infatti “evidence-based”, ovvero una scienza basata sull’evidenza, cioè su procedure scientificamente comprovate dalla ricerca.

Si, la Terapia ABA è particolarmente efficace nei disturbi dello spettro autistico (sia in età evolutiva che adulta). Per questo è un intervento raccomandato all’interno delle Linea Guida 21 come trattamento efficace nel trattamento dell’autismo.

Si, la Terapia ABA è adatta in tutti i disturbi del neurosviluppo (ADHD, malattie rare, disturbo oppositivo provocatorio) o condizioni di disabilità in cui è necessario un intervento mirato a migliorare il comportamento, oltre ad acquisire competenze relazionali e autonomie.

Sì, la Terapia ABA può essere adattata anche per adulti con disturbi dello spettro autistico e altre disabilità.
Per gli adulti la cooperativa ha creato il servizio diurno ABA che unisce al tradizionale approccio socio-educativo e ricreativo un servizio riabilitativo basato sui principi base ABA, che mira a migliorare le competenze sociali, di comunicazione e le autonomie.

No. All’interno della cooperativa ABAcadabra l’ABA viene applicato anche per migliorare tutti i comportamenti funzionali, tra questi anche i comportamenti collegati allo sviluppo di abilità cognitive, sociali e all’acquisizione di autonomie dello studente.
È errato considerare l’ABA come una scienza che si occupa solo della gestione dei comportamenti problema!

No. Probabilmente l’ABA degli albori poteva avere una impostazione maggiormente rigida.
L’ABA contemporaneo, e sicuramente quello applicato all’interno della Cooperativa ABAcadabra tiene conto della persona, delle sue emozioni, dei suoi bisogni, nel rispetto totale della sua neurodiversità.

Il rinforzatore è studiato sulle preferenze dello studente.
Il rinforzo può essere edibile in alcuni casi, soprattutto agli inizi del trattamento, qualora sia l’unica risorsa per favorire l’apprendimento. È compito poi delle terapiste aumentare gli interessi dello studente per trovare altri rinforzi, con l’obiettivo finale di arrivare a un rinforzo di tipo sociale.

Generalmente le sessioni durano 2 ore e vengono programmate più volte alla settimana.

Dipende dagli obiettivi e dallo studente, ma sono necessarie almeno 4/6 ore settimanali (2/3 sedute settimanali), per garantire un intervento adeguato.
Inoltre, le terapie possono essere affiancate da sessioni Parent training, tenute della psicologa e analista comportamentale del centro e dalle terapie. Questo tipo di combo è una chiave particolarmente efficace perché i genitori possono apprendere e applicare i principi ABA ogni giorno all’interno del contesto famigliare e quotidiano, con significativi e rapidi miglioramenti nella qualità della vita dello studente e di tutta la famiglia.

Il tempo necessario per vedere i risultati varia a seconda dell’individuo e delle sue specifiche esigenze.
Alcuni studenti possono mostrare miglioramenti in poche settimane, mentre per altri può essere necessario un periodo più lungo.
È fondamentale però dire che al di là del tempo necessario, l’ABA, nel tempo porta sensibili miglioramenti e la comparsa di comportamenti funzionali e adattivi rispetto all’ambiente circostante.

  • È fondamentale la presenza di un supervisore che può essere uno psicologo o un pedagogista, in entrambi i casi con laurea magistrale, e master di secondo livello in analisi del comportamento.
  • Può esserci eventualmente un supporto al supervisore, che deve avere una laurea triennale in ambito educativo e master di primo livello in analisi del comportamento.
  • Tecnici ABA certificati grazie a un corso ABA riconosciuto dal ministero della durata non inferiore a 45 ore (ma se sono un numero maggiore, meglio!) e 250 ore di tirocinio.

No, attualmente in Liguria la terapia ABA è a carico della famiglia.
Tuttavia esistono dei fondi a supporto delle famiglie (ad esempio il fondo per la gravissima disabilità), che possono essere richiesti e che una volta accettati possono essere utilizzati per usufruire delle terapie.

Generalmente le sessioni si svolgono nel centro ABAcadabra ma, a seconda delle necessità e degli obiettivi terapeutici sono previste uscite in esterna per migliorare le competenze e le autonomie dello studente.

I progressi vengono monitorati attraverso la raccolta e l’analisi costante dei dati durante ogni sessione.
Questi dati vengono utilizzati per valutare l’efficacia degli interventi e apportare modifiche al piano di trattamento secondo necessità.

Il coinvolgimento dei genitori, grazie a sessioni specifiche dedicate al training può aumentare i benefici della terapia ABA e continuità nell’approccio terapeutico anche nel contesto famigliare.

Il ruolo della scuola e degli insegnanti nella Terapia ABA è fondamentale per il successo del trattamento e per garantire una continuità tra l’ambiente terapeutico e quello scolastico.
La Cooperativa ha creato dei percorsi di teacher training per allineare le strategie di gestione comportamentale ed educativa e migliorare il percorso di adattamento e inclusione dello studente all’interno del contesto scolastico.

Per iniziare, potete contattare il centro per fissare un appuntamento per una valutazione iniziale insieme alla dottoressa Martina Guzzardo, supervisore e referente clinico della cooperativa.
Durante la valutazione, verranno discusse le esigenze del vostro bambino e svilupperemo un piano di trattamento personalizzato.

Secondo la nostra esperienza (che nei primi anni in particolare ha adottato una soluzione mista) la terapia è più efficace quando viene condotta all’interno di un centro per i seguenti motivi:

  1. Si può favorire maggiormente l’alternanza delle terapiste, che è un elemento centrale per la generalizzazione degli apprendimenti
  2. Lo studente viene esposto a stimoli e setting di lavoro che possono essere studiati e soprattutto variati in base alle necessità del momento. La nostra sede in particolare offre una serie di strumenti per la sperimentazione motoria e sensoriale (tappeti elastici, tappetoni, oggetti sensoriali), particolarmente utili a favorire la motivazione dello studente.
  3. All’interno di un centro si possono favorire occasioni di socializzazione con pari guidate dall’operatore e finalizzate al raggiungimento degli obiettivi del programma.

Ovviamente nel caso in cui la Terapia ABA abbia obiettivi strettamente legati alle autonomie di tipo domestico (fare il bagno, asciugare i capelli, …) é utile favorire l’apprendimento all’interno della propria casa.
Anche in questo caso è necessario un percorso mirato e ben definito nel tempo, che preveda dapprima l’apprendimento in un contesto specifico (all’interno delle mura domestiche) che deve poi però essere generalizzato in altri contesti.

Dai il meglio a chi ami con il Trattamento ABA!

Scopri come il nostro approccio personalizzato può fare la differenza nella vita dei tuoi cari, sia bambini che adulti.